Ricorsi.net
assistenza
Email
Fax

Divieto di sosta temporaneo: quando contestare la multa

divieto di sosta temporaneo
È possibile contestare una multa per un divieto di sosta posto mediante un cartello temporaneo?
È questo il classico caso in cui l’automobilista che ha lasciato la propria auto in sosta per qualche giorno in una zona ove non vi era alcun divieto, si ritrovi, poi, comminata una multa per mancato rispetto del “divieto di sosta temporaneo”.
La più frequente delle ipotesi è quella in cui si parta per un periodo di vacanza ed al rientro si scopra, con grande sorpresa, di aver ricevuto una multa per mancata osservanza di un divieto che prima non c’era. In questi casi il sentimento di stupore misto a rabbia trova un’unica valvola di sfogo nell’idea di contestare tutto ciò. Ma è sempre possibile farlo?

La risposta non può essere universalmente valida per tutte le ipotesi, tuttavia si può affermare che in un’alta percentuale di casi il cittadino possa ottenere giustizia vedendosi accolto il proprio ricorso in opposizione alla contravvenzione ricevuta.
Posto che la regola fondamentale è il rispetto delle norme del Codice della Strada, è proprio in questo stesso codice che trova soluzione il nostro quesito.

L’art 6) alla lettera f) del C.d.S. stabilisce per le autorità competenti (art. 7) l’obbligo di rendere noto con almeno 48 ore di anticipo il divieto di sosta temporaneo (ossia vigente solo per un determinato periodo), in una determinata zona. Ne deriva che sarà compito della competente autorità apporre idonei cartelli di preannuncio del divieto di sosta con un termine minimo di 48 ore prima della vigenza del divieto. Ma non è tutto. La contestazione dell’automobilista che si è visto multare ( o, nel peggiore dei casi, rimuovere forzatamente la propria auto) in forza di un divieto che non era presente al momento dell’inizio della sosta, dovrà tener conto oltre che della “tempistica”, anche delle modalità di esposizione nonché del contenuto dei cartelli cosiddetti “amovibili”. Non basta, infatti, per la validità del divieto ai fini della legittimità della multa, il solo rispetto delle 48 ore di anticipo, ma è necessario anche che l’annuncio sia chiaro, posto in posizione visibile e non a ridosso di marciapiedi, indichi in modo preciso l’orario di inizio e di fine del divieto nonché la strada o l’area interessata ; ed ancora, che il supporto sul quale è posto l’annuncio di divieto provvisorio sia visibile, messo in posizione da evitare fraintendimenti e fissato a terra in modo stabile, anche se non permanente, in modo che non sia possibile, da parte di terzi, spostarlo facilmente, inducendo così in errore il cittadino obbligato alla temporanea regolamentazione.

Se, dunque, la legge da un lato impone un tempo e delle modalità precise per assicurare la conoscenza preventiva del divieto, dall’altro esige un interessamento ed una vigilanza dell’automobilista sulla propria auto che abbia almeno il carattere della saltuarietà, e questo al fine, da un lato, di proteggere il cittadino consentendogli di spostare opportunamente e tempestivamente il proprio veicolo e, dall’altro, di consentire l’utilizzo delle pubbliche strade, o delle aree private destinate però a pubblico transito, anche per eventi, manifestazioni, opere di disinfestazione, traslochi di grandi dimensioni ecc. che interessano più generalmente l’intera comunità.

Molte sentenze in merito sono state pronunciate nel tempo, per cui è possibile oggi, pur se a grandi linee generali, riconoscere le ipotesi tipiche in cui l’impugnazione del verbale è possibile, pur sempre nella consapevolezza che ogni caso avrà, comunque, delle proprie peculiarità che lo sottraggono ad un esito certo e scontato.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo al tuo fianco

ricorso multa

Dalla richiesta di valutazione gratuita del verbale, fino all’accoglimento del ricorso, i nostri consulenti saranno sempre al tuo fianco.

Anche se non hai esperienza nè competenza in materia, per qualsiasi dubbio potrai contattarci al numero 08.100.30.533. I nostri consulenti ti offriranno tutte le informazioni necessarie.

Inviaci il verbale per un esame gratuito

Esaminati da occhi esperti, il verbale di una multa o una cartella esattoriale potranno rivelare motivi di nullità, altrimenti, difficilmente individuabili.

Inviaci il verbale per una valutazione gratuita e non vincolante:
mail via mail all’indirizzo info@ricorsi.net
whatsapp via WhatsApp al numero 348.51.599.58
fax via fax al numero 06.99332313 (scarica la copertina)
fax compilando il modulo seguente

Nel giro di poche ore riceverai risposta.

Calcola la data

Inserisci la data di notifica per individuare il termine ultimo entro cui poter presentare ricorso:
Applica la sospensione feriale (dal 1/8 al 15/9)
Giorni da aggiungere
Termine:

Chi è online

Abbiamo 253 visitatori e nessun utente online