Criticare i vigili non è reato

13
Alceste M., un cittadino del paese di Conselve, in provincia di Pordenone, era stato condannato in primo e secondo grado di giudizio per le accuse e le offese con cui, in una lettera inviata al Sindaco, aveva apostrofato l’operato dei vigili della polizia municipale, accusandoli di menefreghismo e arroganza. La Cassazione, invece, lo ha assolto ritenendo che quell’atteggiamento, ancorché ingiurioso, fosse giustificato dall’esercizio del diritto di critica e dall’interesse per la collettività.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.