Criticare i vigili non è reato

Alceste M., un cittadino del paese di Conselve, in provincia di Pordenone, era stato condannato in primo e secondo grado di giudizio per le accuse e le offese con cui, in una lettera inviata al Sindaco, aveva apostrofato l’operato dei vigili della polizia municipale, accusandoli di menefreghismo e arroganza. La Cassazione, invece, lo ha assolto ritenendo che quell’atteggiamento, ancorché ingiurioso, fosse giustificato dall’esercizio del diritto di critica e dall’interesse per la collettività.
Condividi
Avv. Alberto Russo
Avv. Alberto Russo
Articoli: 502

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *