Cura Italia: prorogato il termine di 5 giorni

multe-curaitalia

Il Decreto Legge 17 marzo 2020, meglio conosciuto come “Cura Italia”, ha fortunatamente considerato tra i suoi punti anche il pagamento delle multe.

Lungi dal sospendere i pagamenti dalle sanzioni, comunque, è stato almeno previsto che il pagamento scontato (ciò che permetteva di pagare un importo più basso del 30%, per intenderci) non sia più da versare in 5 giorni, ma entro 30 giorni dalla data di notifica del verbale. Il termine di questa misura è fissato il 31 maggio, ma è naturalmente prorogabile. Lo prevede proprio l’articolo 108 comma 2 del succitato decreto. E per le multe che sono state notificate prima del 17 marzo? Niente da fare: vanno comunque pagate entro i 5 canonici giorni, se si vuole usufruire della sanzione ridotta. Ma il decreto non contempla un’ulteriore fattispecie. Cosa fare, infatti, se il termine dei 5 giorni cade proprio oltre il 17 marzo? L’ambiguità è palese e, in assenza di indici interpretativi certi, non possiamo che consigliare di chiedere istruzioni agli stessi organi di polizia.

Ma le novità non finiscono qui. Già una circolare del Ministero dei Trasporti del 13 marzo, prevedeva la sospensione dei termini dal 10 marzo al 3 aprile per quanto concerne

  1. Notifica dei verbali
  2. Pagamento in misura ridotta
  3. Presentazione dei ricorsi al Giudice di Pace (in realtà il Cura Italia ha poi prorogato questa data fino al 15 aprile).

Dunque, il computo per il pagamento in misura ridotta entro i 30 giorni parte proprio dal 3 aprile.

Il Decreto prevede altre novità. Eccole:

  • Fino al 30 giugno, saranno gli stessi operatori postali ad apporre la firma alla ricezione delle raccomandate, previo accertamento della presenza del destinatario;
  • La revisione del veicolo da effettuare entro il 31 luglio 2020 è prorogata fino al 31 ottobre 2020 (art. 92 comma IV)
  • La validità dei documenti di riconoscimento in scadenza, quindi anche delle patenti d guida, è prorogata fino al 31 agosto 2020. (art. 104)

Noi saremo qui ad aggiornarvi, come sempre, su qualsiasi novità relativa al Codice della Strada.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.