Semafori di Pieve Emanuele: multe e t-red

26

Da Segrate a Pieve Emauele il passo è breve ed il Giudice di Pace di Milano si prepari a ricevere un’altra ondata di migliaia di ricorsi.

Nel piccolo paese della provincia milanese, l’amministrazione comunale ha, infatti, ben pensato di non lasciarsi sfuggire la ghiotta opportunità di guadagno derivante dall’installazione di semafori e telecamere collocati in posizioni strategiche.

La notizia forse incontrerà il clamore della cronaca, quando (e se!) qualche trasmissione televisiva deciderà di mandare il “gabibbo di turno” a fare un po’ di caciara (come successo nel caso di Segrate), ma intanto la cittadinanza è evidentemente allarmata e cerca di correre ai ripari.

La mole di richieste ricevute dai cittadini Pieve Emanule ci ha “costretti” a dedicare al caso una particolare attenzione e ad elaborare uno specifico ricorso che tenga conto dei più favorevoli e consolidati orientamenti giurisprudenziali in materia di rilevazioni semaforiche e t-red.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.