Tutor SICVe sull’autostrada A1 Milano-Roma-Napoli

Il SICVE (Sistema informativo per il controllo della velocità), comunemente noto come Tutor, è un sistema di rilevamento della velocità differente dal comune autovelox.

Il primo infatti consente un calcolo informatizzato della velocità media mantenuta dall’automobilista lungo la strada sulla quale sono installati i dispositivi.

Al contrario il secondo consente una rilevazione soltanto unica e istantanea, risultando meno attendibile rispetto al primo sistema.

In particolare il meccanismo di calcolo tramite SICVE è effettuato sulle autostrade, essendo stato brevettato nel 2005 da Autostrade per l’Italia ed installato prima sui tratti con alto tasso di incidentalità e di mortalità e ora esteso sul territorio nazionale.

Com’è noto il singolo dispositivo è un portale che viene posto al di sopra delle tre corsie di velocità e raccoglie, anche tramite un sistema di telecamere ed il confronto con i dati informatizzati registrati presso la Motorizzazione e nelle banche dati nazionali, i riferimenti del veicolo (dati assicurativi, targa, etc), i dati del proprietario e la velocità di passaggio, per poi confrontarla con quella rilevata dal successivo portale posto dai 10 ai 30 km di distanza.

La presenza dei dispositivi SICVE deve essere segnalata dagli appositi cartelli verdi presenti sulle autostrade prima dei singoli macchinari, con specifica indicazione del meccanismo a mezzo del quale le rilevazioni vengono effettuate (è obbligatorio infatti che vi sia la dicitura: “controllo elettronico della velocità effettuato con sistema Tutor”).

Quando una multa ricevuta dal tutor può risultare illegittima?

Come detto le sanzioni elevate sulla base delle rilevazioni con SICVE possono essere considerate nulle per molteplici ragioni.

La prima e la più evidente è la mancata o non corretta segnalazione per mezzo dei cartelli verdi con specifica indicazione della presenza del meccanismo dei tutor.

Un’altra ragione, evidenziata da ultimo dalla Corte di Cassazione, con recentissima sentenza n. 6579/2023 è quella della mancata taratura dei dispositivi.

La mera omologazione iniziale infatti non è sufficiente quando il macchinario non sia stato sottoposto a taratura e controlli periodici e il solo verbale di accertamento non può risultare sanante a riguardo.

È bene ricordare infatti che la Polizia Stradale, secondo il DM n. 282 del 13 giugno 2017 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, deve provvedere ad effettuare la verificazione iniziale del sistema e le successive verificazioni periodiche a cadenza annuale.

Quanto stabilito dalla sentenza del 2023, già rilevato da molteplici decisioni conformi sin dal 2016, è di grande importanza per l’automobilista, in quanto lo stesso ha il diritto di chiedere all’ente gestore del sistema SICVE l’esibizione della prova dell’omologazione e delle tarature effettuate sui tutor che hanno raccolto i dati e la rilevazione della velocità media sui quali si basa la sanzione.

Per mezzo di questa richiesta ricadrà sul gestore un onere della prova volto a dimostrare al Giudice adito che le rilevazioni siano attendibili a seguito della taratura periodica e dell’omologazione iniziale dei dispositivi, entrambe obbligatorie ai sensi della richiamata legge.

Nel caso di specie l’amministrazione aveva sostenuto che il solo verbale, verificato dalla Polizia Stradale e basato sui dati raccolti, fosse sufficiente a dare prova di quanto sopra.

La Cassazione, disattendendo la ricostruzione, ha sancito che il verbale non è da solo sufficiente a dimostrare l’attendibilità delle rilevazioni e così anche l’omologazione.

Non avendo quindi l’amministrazione provveduto a fornire la documentazione richiesta, la multa è stata annullata.

Esempio di multa irrogata sull’Autostrada A1

L’allegato esempio di sanzione ricevuta sull’autostrada Milano-Roma-Napoli evidenzia tutto quanto oggi spiegato.

Nel verbale infatti è sempre indicato il nome del personale della Polizia Stradale che ha effettuato la verifica dei dati prima di notificare la sanzione al cittadino, l’orario di passaggio, la stazione di ingresso e la stazione di uscita del veicolo, il decreto di omologazione dei tutor e il modo di rilevazione utilizzato (nella specifico i fotogrammi raccolti).

Successivamente viene indicata la disponibilità della documentazione agli atti ai sensi del D.M. 282 del 13 Giugno 2017, ossia tutte quante le verifiche di funzionalità, che devono essere quindi a disposizione del soggetto interessato a semplice richiesta.

Le multe per eccesso di velocità sulle Autostrade dal 1 Gennaio 2023

Il limite di velocità consentito in autostrada ai sensi dell’art 142 C.d.S. è di 130 Km/h e di 110 Km/h in caso di precipitazioni ed è bene ricordare che i sistemi di rilevamento SICVE rilevano automaticamente anche il superamento di questa seconda soglia durantele giornate di maltempo.

Nell’anno 2023 sino al Giugno 2023 il numero delle sanzioni elevate sulle autostrade italiane per violazione dell’art. 142 C.d.S. è pari a 218214.

É evidente che un numero così alto può dipendere anche dalla mancata manutenzione o controllo dei dispositivi, motivo per cui nel momento in cui si riceve una multa irrogata per mezzo del sistema di rilevamento della velocità media, occorrerà sempre chiedere all’Amministrazione competente la prova dell’omologazione e delle tarature, rivolgendosi ad un esperto per verificare se la multa può essere annullata da un giudice.

Posizionamento dei tutor sull’autostrada A1 Milano-Roma-Napoli

Anche l’autostrada A1, che taglia il nostro Paese da Milano a Roma, è dotata per tutta la sua lunghezza del sistema di rilevamento della velocità media brevettato da Autostrade per l’Italia.

In particolare i dispositivi si trovano:

In direzione Nord

Santa Maria Capuavetere – Capua

Caserta Nord – Santa Maria Capuavetere

San Vittore  – Cassino

Cassino – Pontecorvo

Colleferro – Valmontone

San Cesareo – Monteporzio

All Rac Rm-s A1 N QM – All A24 A1 S  -m

All. Racc. Roma Nord Per A1 Ponzano Romano

Ponzano Romano – Magliano Sabina

Magliano Sabina – Orte

Firenzuola – Badia

Reggio Emilia – Campegine

Campegine – Parma

Modena Sud – Modena Nord

Allacciamento A15 A1 N QM – Fidenza

Fidenza – Fiorenzuola

Fiorenzuola – Piacenza Sud

Piacenza Sud – Piacenza Nord

Piacenza Nord – Casale

Casale – Lodi

Lodi – Milano Sud

In direzione Sud:

Milano Sud – Lodi

Lodi – Casale

Casale – Piacenza Nord

Piacenza Nord – Piacenza Sud

Allacciamento A21 A1 S – Fiorenzuola

Fiorenzuola – Fidenza

Fidenza – All A15 A1 N

Allacciamento A15 A1 N – Parma

Parma – Campegine

Modena Sud – All. A14 A1 N

Badia Firenzuola

Orte – Ponzano Romano

Ponzano Romano – All. Rac Rm-n A1

Allacciamento A24 A1 S QM – All Rac Rm-s A1 N

Allacciamento A1 Per Roma Sud Colleferro

Monteporzio – San Cesareo

Frosinone – Ceprano

Pontecorvo – Cassino

San Vittore Caianello

Capua – Santa Maria Capuavetere

Santa Maria Capuavetere – Caserta Nord

Condividi
Avv. Letizia Casale
Avv. Letizia Casale
Articoli: 17

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Molto buono

4s

Sulla base di 422 recensioni su