6 errori da non commettere se hai appena ricevuto una multa

Traendo frutto dalla nostra esperienza e dai racconti di chi ogni giorno ci contatta e ci domanda consiglio, abbiamo individuato i sei errori che più comunemente commette chi riceve una multa.
Con i tempi che corrono e le scarse disponibilità finanziarie, anche un’ingiunzione di pagamento di poche centinaia di euro può generare in chi la riceve uno stato di angoscia e indecisione sui passi successivi da compiere. Sono momenti decisivi in cui si potrebbero prendere scelte sbagliate e non più reversibili: c’è chi assume subito decisioni drastiche, come pagare la multa o stracciare il verbale, e chi, invece, brancolando nel buio, perde tempo prezioso alla ricerca di informazioni, riponendo fiducia e speranza in chi non è adeguato ad offrire né l’una né l’altra.
 
Ecco, quindi, i sei errori che non devi assolutamente commettere se hai appena ricevuto una multa

# 1 Avere fretta di decidere

Ricevere una multa nella propria cassetta delle lettere non è mai un bel momento. Il primo istinto per molti è quello di pagarla, levarsi il dente e non pensarci più.
Su questo istinto fa ulteriormente leva l’ultima furbata del governo: se paghi entro 5 giorno puoi ottenere uno sconto del 30% sull’importo della sanzione. Fermati un attimo a riflettere: perché dovresti decidere in così poco tempo, rinunciare a tutelare un tuo diritto per risparmiare poche decine di euro, anziché l’intero importo?

Chi ha pensato questa legge non l’ha fatto per farti risparmiare, ma per indurti ingannevolmente a pagare.
Se ti offrono il 30% di sconto è perché (statistiche alla mano) sanno benissimo che ancora più scarse sono le probabilità che hanno di incassare la somma se deciderai di valutare più attentamente la situazione.

Quindi, anziché precipitarti a pagare, precipitati al telefono e contatta il tuo avvocato di fiducia. Potrai spiegargli l’urgenza e chiedergli un consulto immediato. Entro i fatidici cinque giorni riuscirai quasi sicuramente a valutare con cognizione di causa se ti conviene fare opposizione contro il verbale o pagare la sanzione (senza così rinunciare al 30% di sconto). Se non hai un avvocato di fiducia a cui rivolgerti o se il tuo avvocato non è specializzato in materia, puoi trasmettere a noi il tuo verbale e, nel giro di poche ore, riceverai gratuitamente la nostra valutazione. Come già sai, per inviarci il verbale è sufficiente fare una foto (anche col cellulare) e inviarla all’indirizzo mail info@ricorsi.net

# 2 Rivolgerti a chi non è specializzato in materia

Ti faresti curare il cuore da un ortopedico? Non diversamente da altri settori, il diritto è una scienza vastissima e anche il miglior avvocato sulla piazza può essere espertissimo in materia condominiale (ad esempio), ma non saperne nulla di multe, verbali e ricorsi. Informati tra amici e conoscenti e non affidarti al primo che capita: un avvocato non specializzato in materia nella migliore delle ipotesi, se sarà onesto, ti consiglierà di pagare la multa poiché non è in grado, viceversa, di individuare i motivi che potrebbero farti ottenere l’annullamento.

# 3 Essere pessimista

Siamo educati alla rassegnazione, all’idea che tutelare i propri diritti sia una battaglia persa in partenza soprattutto quando la controparte è lo stato.
Vorremmo dirti che non è così, ma non saremmo sinceri.

Tuttavia, nel caso che ci riguarda, questo pessimismo deve tramutarsi in ottimismo: nel contestare una multa, infatti, le lungaggini burocratiche e l’inefficienza delle istituzioni giocano a tuo favore! Che tu faccia ricorso al prefetto (come noi consigliamo) o al giudice di pace passerà del tempo prima che l’iter giunga a conclusione: è un tempo durante il quale tu non dovrai fare altro che attendere e, qualora scadessero i termini previsti dalla legge, il ricorso sarà accolto per la regola del “silenzio assenso”.

Altra ragione che induce al pessimismo è la falsa idea che fare ricorso, far valere i propri diritti, costi più che pagare la multa.
Non è così! Anche se la multa è di poche centinaia di euro (o poche decine di euro!) il tuo avvocato saprà offrirti un costo proporzionale alla sanzione. Il tuo interesse ed il suo interesse coincidono, siete dalla stessa parte. Se così non fosse, e ti chiedesse un importo sproporzionato per la sua prestazione, potrai decidere di rivolgerti ad uno più ragionevole (e lui avrà semplicemente perso un cliente). Non dimenticare, inoltre, che, proprio per le cause di scarso valore economico, esistono le associazioni di consumatori (come la nostra): trattando centinaia e centinaia di cause abbiamo delle convenzioni con studi legali specializzati in materia e, proprio per questo, possiamo riuscire a garantirti tutte l’assistenza di cui hai bisogno a costi irrisori.

# 4 Perdere tempo e divagare

Quello delle multe è un settore in cui tutti si illudono di sapere qualcosa, danno consigli e raccontano fantasiose esperienze personali. Il consigliere d turno potrà essere il tuo collega d’ufficio, il vicino di casa o l’esperto tuttologo che frequenta il tuo forum preferito, divulgando il proprio sapere, quale che sia l’argomento di discussione, dai tempi di prescrizione ai tempi di cottura del ragù.
Stanne alla larga: non contestare (o contestare in modo non adeguato) una multa può costarti più di un piatto di pasta scotta.

Messo da parte l’amico tuttologo, per non divagare e perder tempo in cose inutili, dovrai resistere ad un’altra tentazione: richiedere le foto dell’infrazioni. Le foto sono disponibili su richiesta al comando di polizia che ha emesso il verbale (ovviamente solo per i casi in cui si tratti di infrazioni rilevate con l’uso di telecamere, autovelox e rilevatori elettronici di qualsiasi specie), ma il punto è: a che ti servono queste foto?

Se non è tua intenzione incorniciarle e appenderle in camera, evita di perdere tempo prezioso.
È scontato che le foto ti ritraggano nell’atto di commettere l’infrazione, ma ciò non significa che il verbale sia legittimo. La partita non si gioca sulle foto.

# 5 Buttare la busta

Questo è un mistero che ci portiamo dietro da quando (nel lontano 2007) abbiamo intrapreso la nostra attività e inaugurato ricorsi.net: 9 persone su 10 appena ricevuta una multa si fiondano nel cestino della carta per buttare la busta. Deve essere un istinto irrefrenabile.

Quindi se hai già buttato la busta, torna a frugare nel cestino e recuperala: anche sgualcita andrà bene lo stesso. Ricorda che al ricorso dovrai allegare tutto quello che ti è stato recapitato, busta compresa.

# 6 Comunicare (o non comunicare) i dati del conducente

Come forse saprai, quando una multa comporta anche la decurtazione dei punti della patente, il proprietario del veicolo deve comunicare i dati della persona che era alla guida.

Tuttavia, in caso di ricorso, verrebbe da pensare secondo logica che la comunicazione dei dati del conducente non sia dovuta: se sto contestando che non sia mai avvenuta una trasgressione, che senso avrebbe comunicare i dati di un trasgressore?!

Purtroppo, stando  agli ultimi orientamenti giurisprudenziali, la Cassazione pare non essere di questo parere. Quindi, mettendo da parte il buon senso, per semplice prudenza, riteniamo preferibile, anche in pendenza di ricorso, effettuare la comunicazione dei dati. Diversamente ti esporresti al rischio di ricevere la multa per l’omessa comunicazione (che è anche bella salata!). 

Affinché l’organo accertatore, ricevendo la tua comunicazione, non sia indotto a decurtare immediatamente i punti, potresti annotare sul modulo, che quella multa è oggetto di opposizione e che la comunicazione viene effettuata al fine di non soggiacere alla sanzione prevista dall’art. 126bis del Codice della Strada.  

In alternativa, qualora la tua principale preoccupazione, sia proprio la decurtazione dei punti, potresti inviare una raccomandata in cui rendere noto che non comunichi i dati del conducente e che lo farai eventualmente solo nel caso in cui il tuo ricorso sia rigettato. Per renderti la vita più semplice in questa pagina abbiamo già predisposta il modello di raccomandata che potrai integrare con i tuoi riferimenti personali, stampare, firmare e spedire.

18 Comments

  1. Antonio Ciafardini
    Antonio Ciafardini

    Salve, ho ricevuto una multa per mancata comunicazione del conducente per la decurtazione dei punti.
    Ma in mancanza di comunicazione non è come accettare che alla guida del veicolo c’è l’intestatario della vettura?

    • Avv. Alberto Russo
      Avv. Alberto Russo

      no, la comunicazione va fatta in ogni caso, anche se l’articolo 126bis ha una formulazione per nulla chiara e nei verbali non è specificato come dovrebbe

  2. Buongiorno ricevo dal comando vigili urbani una sanzione per mancato invio documenti. Io ho inviato i documenti nei termini invitandoli alla mail PEC del comune indicata nel verbale. Ora mi dicono che non vale perché inviata dalla mia mail personale che non ha la PEC. E corretto?

    • Avv. Alberto Russo
      Avv. Alberto Russo

      Buongiorno Franco,
      la comunicazione deve essere effettuata dall’indirizzo intestato a nome o del proprietario oppure del conducente, a seconda dei casi. Inoltre, la pec deve essere inviata all’indirizzo intestato al comando di polizia che ha emesso il verbale.
      In ogni caso può inviarci copia del verbale per una valutazione gratuita.

  3. Salve, ho ricevuto una multa per mancata comunicazione del conducente. In realtà io ho comunicato i dati via raccomandata con ricevuta di ritorno. Chiamato i vigili mi hanno chiesto una copia del contenuto della raccomandata ma ho potuto mandare loro solo la copia della ricevuta di ritorno. Ero tenuto a fare una copia del contenuto della busta?
    Possono multarmi lo stesso se non ho scritto la frase “io sottoscritto… ” sulla copia della patente?
    Grazie

    • Avv. Alberto Russo
      Avv. Alberto Russo

      Ciao Gino, rispondo alle tue due domande:
      1) è la ricevuta di ritorno a dimostrare l’avvenuta comunicazione e in generale è sempre preferibile evitare la busta, affinché risulti timbrato esattamente il foglio su cui verte il contenuto legale.
      2) “io sottoscritto” non va scritto sulla copia della patente. basta seguire le istruzioni riportate sul modulo generalmente allegato al verbale

      • Salve, ho ricevuto tre multe per eccesso di velocità in autovelox tra novembre e dicembre. Le ho pagate. Tuttavia, essendo le mie primissime multe in 20 anni di patente, preso dalla rabbia, ho pagato e buttato la busta tenendomi solo il bollettino. A distanza di 4 mesi mi è arrivata una multa per omessa comunicazione dati conducente. Chiamando mi hanno detto che arriveranno anche le altre due per lo steso motivo. Io sono stato ingenuo perché non ho assolutamente letto quella parte e non ne ero a conoscenza precedentemente. Pensavo che fosse scontato che il conducente fossi io e che dovessi comunicarli eventualmente solo se fosse stato qualcun altro. Adesso non so che fare. Tirare fuori 900 euro mi sta mettendo in seria difficoltà e trovo ingiusto tutto questo. Secondo voi se facessi ricorso al giudice di pace potrei ottenere quanto meno uno sconto per la mia buona fede? Purtroppo non ho nemmeno le lettere ricevute inizialmente ma si vede chiaramente che è tutto scritto in minuscolo in mezzo ad un appello infinito di cose e non è nemmeno sottolineato.

        • Avv. Alberto Russo
          Avv. Alberto Russo

          Ciao Vincenzo, inviaci le multe che hai appena ricevuto (queste per l’omessa comunicazione dei dati) e valuteremo come eventualmente procedere. Capita quasi a tutti, purtroppo, di pagare senza comunicare i dati.

    • Buongiorno, ho ricevuto una multa per mancata comunicazione del conducente, ma il problema è che non mi è mai arrivata la multa per la quale avrei dovuto mandare i dati! Cosa posso fare?

      • Avv. Alberto Russo
        Avv. Alberto Russo

        Ciao Giada, chiaramente l’omessa notifica del verbale presupposto rende nulla anche la multa per l’omessa comunicazione dei dati. In sede di opposizione sarà onere del Comando di Polizia dimostrare di averla (viceversa) correttamente notificata.
        Se desideri assistenza per la redazione del ricorso puoi inviarci copia della tua multa

  4. Buongiorno, ho ricevuto una multa, per la velocità, sono andato a pagarla, e dopo che sono andata in caserma a portare il foglio con chi guidava la machina, ho chiesto le foto, e ho visto che insieme alla mia machina c’era un altra machina e normale che mi hanno fato la. Multa, essendo due machine in due sensi opposti?? Grazie

    • Avv. Alberto Russo
      Avv. Alberto Russo

      Ciao Lucian, purtroppo se hai già pagato la sanzione, il ricorso sarà in ogni caso improcedibile

  5. Salve ho appena ricevuto una multa per guida con il cellulare il 24 settembre mi è arrivata adesso…ma non mi hanno mai fermato ne vigili e ne carabinieri..e possibile multare senza fermare il conducente..grazie

    • Avv. Alberto Russo
      Avv. Alberto Russo

      in teoria, la contestazione immediata è sempre obbligatoria. Di prassi, tuttavia, viene raramente effettuata. Sarà necessario esaminare il verbale e valutare la fondatezza delle ragioni con cui gli agenti giustificano di non aver potuto contestare immediatamente l’infrazione. Generalmente sono motivazioni di comodo, assolutamente astratte e anche su queste basi potrà essere eventualmente opposta la multa.
      Se desideri puoi inviarci copia del verbale.
      Per saperne di più ti raccomando di dare uno sguardo al video che abbiamo pubblicato qui: https://ricorsi.net/approfondimenti/multe/cellulare-cinture-sicurezza/

  6. Buongiorno,
    vorrei contestare 3 multe ricevuto nel giro di 12 giorni per aver superato il limite di velocità, le ho pagate ma vorrei contestarle in quanto nel punto in cui mi immetto sulla strada di riferimento non sono stati posizionati i cartelli che avvisano delle telecamere, chiedo se la cosa e’ fattibile.
    Grazie
    Franco

    • Avv. Alberto Russo
      Avv. Alberto Russo

      Ciao Franco, l’avvenuto pagamento delle sanzioni renderebbe purtroppo in ogni caso i ricorsi improcedibili. Mi spiace, ma non possiamo esserti d’aiuto.

  7. Sono entrata per sbaglio nella rotatoria di una zona tl di Siena dove sono posizionate le telecamere e uscita immediatamente dalla suddetta rotatoria, sono soggetta a sanzione?
    I vigili di Siena non mi hanno dato nessuna risposta in merito

    • Avv. Alberto Russo
      Avv. Alberto Russo

      se hai varcato la soglia della ztl e le telecamere erano attive, probabilmente riceverai la multa…lo scopriremo solo vivendo 😉

Leave a Reply