Limiti di velocità

Se hai ricevuto una multa per eccesso di velocità, ti raccomandiamo di leggere subito la nostra guida: come fare ricorso contro le multe per eccesso di velocità o di inviarci subito copia del verbale per una consulenza gratuita e non vincolante.

Se hai ricevuto una multa per eccesso di velocità, ti raccomandiamo di leggere subito la nostra guida: come fare ricorso contro le multe per eccesso di velocità o di inviarci subito copia del verbale per una consulenza gratuita e non vincolante.

I limiti velocità

L’art. 142 del Codice della Strada disciplina i limiti di velocità da rispettare, ai fini della sicurezza della circolazione e della tutela della vita umana. I limiti previsti sono i seguenti:

  • 130 km/h per le autostrade (limite che può innalzarsi fino a 150 km/h sulle autostrade a tre corsie oltre la corsia di emergenza per ogni senso di marcia, dotate di apparecchiature debitamente omologate per il calcolo della velocità media di percorrenza su tratti determinati, previa installazione degli appositi segnali, sempreché lo consentano l’intensità del traffico, le condizioni atmosferiche prevalenti ed i dati di incidentalità dell’ultimo quinquennio);
  • 110 km/h per le strade extraurbane principali;
  • 90 km/h per le strade extraurbane secondarie e per le strade extraurbane locali;
  • 50 km/h per le strade nei centri abitati, con la possibilità di elevare tale limite fino ad un massimo di 70 km/h per le strade urbane le cui caratteristiche costruttive e funzionali lo consentano, previa installazione degli appositi segnali.

In caso di precipitazioni atmosferiche

In caso di precipitazioni atmosferiche di qualsiasi natura, la velocità massima non può superare i 110 km/h per le autostrade ed i 90 km/h per le strade extraurbane principali.
Entro i suddetti limiti, gli enti proprietari della strada possono ovviamente fissare, provvedendo anche alla relativa segnalazione, limiti di velocità differenti su tratti determinati di strada, in base alle specifiche concrete condizioni di percorrenza.
Valgono, inoltre, degli specifici limiti di velocità, relativi a determinate categorie di veicoli. In particolare, esaminando solo alcune delle categorie contemplate dalla disciplina:

  • i ciclomotori non possono eccedere il limite di 45 km/h;
  • gli autoveicoli o motoveicoli utilizzati per il trasporto delle merci pericolose, quando viaggiano carichi, non possono eccedere il limite 50 km/h fuori dei centri abitati e 30 km/h nei centri abitati;
  • le macchine agricole e macchine operatrici devono attenersi al limite di 40 km/h se montati su pneumatici o su altri sistemi equipollenti; 15 km/h in tutti gli altri casi;
  • i quadri cicli non possono eccedere il limite di 80 km/h fuori dei centri abitati;
  • gli autoveicoli destinati al trasporto di cose o ad altri usi, di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t e fino a 12 t: devono attenersi al limite di 80 km/h fuori dei centri abitati e 100 km/h sulle autostrade;
  • gli autoveicoli destinati al trasporto di cose o ad altri usi, di massa complessiva a pieno carico superiore a 12 t devono attenersi al limite di 70 km/h fuori dei centri abitati e 80 km/h sulle autostrade.

Leave a Reply