Ebbrezza, misurazione del tasso alcolemico e valori centesimali

62
Per la Sentenza n. 41225 del 2015 della Corte di Cassazione, ai fini della misurazione mediante etilometro delle soglie di punibilità, caratterizzate da crescente gravità (cosi come previste dall’art. 186, comma 2, lett. a), b) e c) del Codice della Strada) assumono rilevanza anche i valori centesimali.
La Quarta Sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza su indicata ha affermato dunque la rilevanza dei “centesimi” in fase di riscontro del tasso alcolico rilevato durante le operazioni di “alcol test”.
Prima di dilungarci nella disamina della sentenza, esaminiamo esattamente quanto era accaduto.
Nel caso di specie, il conducente, dopo essere stato condannato per il reato di cui all’art. 186, lett. c) del codice della strada, aveva proposto ricorso per cassazione deducendo che, per l’irrilevanza dei centesimi, avrebbe dovuto ricevere la contestazione della sanzione più favorevole, di cui all’art. 186, lett. b) del medesimo reato, in quanto in occasione delle prove eseguite con etilometro, era stato rilevato un tasso alcolemico pari ad 1.56 g/l.La questione è particolarmente rilevante poiché l’eventuale riqualificazione giuridica del fatto consente di escludere l’applicazione del sequestro preventivo ai sensi dell’art. 321 c.p.p. e della successiva confisca obbligatoria del veicolo, che è prevista per il solo art. 186, lett. c), del codice della strada.

Questa interpretazione della norma non è stata ritenuta fondata dalla Suprema Corte che ha dichiarato inammissibile il ricorso e condannato il ricorrente al pagamento delle spese processali.

La modifica dell’art. 186 del Codice della Strada, con l’indicazione di differenti fattispecie incriminatici, con progressivo incremento della gravità delle sanzioni applicate, è stata voluta dal legislatore con l’intento di arginare il fenomeno della guida in stato di alterazione correlata all’uso smodato di alcolici.
In quest’ottica sarebbe pertanto contraddittorio ritenere che il legislatore, indicando una sola cifra decimale, avesse inteso negare valenza ai centesimi, come implicitamente aveva affermato il ricorrente con il prospettare che tali valori numerici non valgono a far superare la soglia.

La sensibilità degli strumenti utilizzati per l’accertamento urgente del tasso alcolemico, con ricorso agli etilometri, era ben nota al legislatore al momento dell’adozione della modifica normativa, il quale non poteva ignorare che i valori dell’alcolemia erano rilevati con esattezza e approssimati al centesimo di grammo/litro. Pertanto l’opzione di procedere ad una misurazione in centesimi, anziché in decimi di grammo/litro, attraverso misuratori cosi precisi e sofisticati, corrisponde ad una scelta normativa del tutto intenzionale.

Di qui la consequenziale affermazione del principio di diritto, allineato al conforme orientamento giurisprudenziale, secondo il quale in tema di guida in stato di ebbrezza, ai fini del superamento delle soglie di punibilità, assumono rilievo anche i valori centesimali.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.