Ricorsi.net
assistenza
Email
Fax

L'avviso di giacenza

avviso di giacenza
In tutti i casi in cui venga recapitata una raccomandata e il messo notificatore non sia in condizione di consegnare il plico al diretto destinatario, potrà ugualmente rilasciarlo ad uno dei soggetti espressamente indicati dalla legge, ovvero ad un familiare convivente con il destinatario, ad un addetto alla ricezione o ad un vicino di casa o, infine, al portiere dello stabile. Ma cosa succede quando il notificatore non riesca a reperire neanche uno di questi soggetti? La notifica della raccomandata (eventualmente contenente un verbale o qualsiasi altro atto giudiziario) potrà comunque ugualmente e legittimamente perfezionarsi.

In tali casi, infatti, il messo notificatore dovrà lasciare nella buca delle lettere il così detto avviso di giacenza, comunicando al destinatario il luogo, presso la casa comunale, in cui potrà ritirare l’atto.

Ritirare un atto può significare, tuttavia, sanarne eventuali vizi.
Facciamo un esempio.
Tizio viene a sapere fortuitamente che è stato lasciato un avviso di giacenza presso la sua precedente residenza. La residenza non è più quella corrente, per cui la notifica è effettivamente nulla. Tuttavia, se Tizio ritirasse ugualmente l’atto sanerebbe il vizio di notifica e non potrebbe più, quindi, far valere questa ragione come motivo di contestazione. Se l’atto lasciato in giacenza fosse il verbale di una multa, Tizio potrebbe avere quindi maggiore convenienza a lasciarlo in giacenza senza mai ritiralo, così da lasciare inevaso il pagamento e attendere la successiva notifica (che avverrà probabilmente a distanza di anni) della cartella esattoriale. Potrà a questo punto fare ricorso contro la cartella esattoriale lamentando l’omessa notifica del precedente verbale (che non avrà ritirato, secondo quanto detto prima). Il problema che, tuttavia, si pone è: quando Tizio è venuto a sapere fortuitamente dell’esistenza di un atto in giacenza, come poteva prevedere se l’atto fosse una multa, un atto giudiziario o una qualsiasi semplice raccomandata che potrebbe magari aver anche interesse a ricevere?
In altri termini, come poter intuire dal semplice avviso di giacenza il contenuto dell’atto e la sua provenienza?

In primo luogo, dal sito di poste italiane è possibile consultare il servizio denominato “dove quando”: basta inserire il numero riportato sotto il codice a barre ed effettuando la ricerca potremo scoprire da quale comune proviene l’atto. Il modulo da compilare richiede che venga inserita anche la data di spedizione. Se non è nota, se ne può inserire anche una sbagliata: il sito provvederà comunque con il solo codice di riferimento a restituirci i risultati corretti della data e del luogo di spedizione.

Ma non è tutto perché dal codice numerico posto sotto il codice a barre potremmo risalire anche alla natura dell’atto e al sue presumibile contenuto:

  • quando il codice riportato sull’avviso di giacenza inizia per 670, l’atto a cui si riferisce è una cartella esattoriale proveniente da Equitalia;
  • quando il codice riportato sull’avviso di giacenza inizia per 608 o 609, l’atto a cui si riferisce proviene generalmente da un ente pubblico (ad esempio l’inps o l’agenzia delle entrate);
  • quando il codice riportato sull’avviso di giacenza inizia per 76 o 77, l’atto a cui si riferisce è un atto giudiziario, per cui potrebbe trattarsi anche di una semplice comunicazione di cancelleria;
  • quando il codice riportato sull’avviso di giacenza inizia per 12 o 13 si tratta di una raccomandata semplice.

Quanto resta in giacenza la raccomandata?
Se si tratta di una raccomandata sarà possibile ritirarla presso l'ufficio postale territorialmente competente entro il termine di trenta giorni dalla data di consegna dell'avviso di giacenza.
Viceversa, se si tratta di un atto giudiziario, sarà possibile ritirarlo entro il termine di 180 giorni dalla giacenza.

Quando si perfeziona la notifica per compiuta giacenza
Quando un atto è lasciato in giacenza, la notifica si perfeziona al decimo giorno dalla consegna dell'avviso di giacenza.


Siamo al tuo fianco

ricorso multa

Dalla richiesta di valutazione gratuita del verbale, fino all’accoglimento del ricorso, i nostri consulenti saranno sempre al tuo fianco.

Anche se non hai esperienza nè competenza in materia, per qualsiasi dubbio potrai contattarci al numero 08.100.30.533. I nostri consulenti ti offriranno tutte le informazioni necessarie.

Inviaci il verbale per un esame gratuito

Esaminati da occhi esperti, il verbale di una multa o una cartella esattoriale potranno rivelare motivi di nullità, altrimenti, difficilmente individuabili.

Inviaci il verbale per una valutazione gratuita e non vincolante:
mail via mail all’indirizzo info@ricorsi.net
fax via fax al numero 06.99332313 (scarica la copertina)
fax compilando il modulo seguente

Nel giro di poche ore riceverai risposta.

Chi è online

Abbiamo 132 visitatori e nessun utente online