Ricorsi.net
assistenza
Email
Fax

Il mancato pagamento della sanzione della multa

Per espressa previsione normativa, condizione necessaria, affinché il ricorso sia proponibile è che non sia stato effettuato il pagamento della sanzione in misura ridotta (intendendosi per “misura ridotta” l’importo indicato in verbale, il cui ammontare è destinato a raddoppiare qualora entro il sessantesimo giorno non sia stato effettuato il pagamento o non sia stato presentato il ricorso). La ratio della norma è evidentemente quella di assolvere ad una funzione deflattiva delle opposizioni, ritenendo che, per fatto concludente, il pagamento rappresenti un atto di acquiescenza alla sanzione amministrativa e che, per cessata materia del contendere, il successivo ricorso sia pertanto da considerare privo delle condizioni di procedibilità.

Si discute in dottrina se il pagamento produca i medesimi effetti preclusivi, anche se avvenuto successivamente alla presentazione del ricorso. Si tratta in effetti di un’ipotesi atipica, ma tutt’altro che infrequente. Secondo un primo orientamento, il pagamento successivo esprimerebbe l’implicita volontà del ricorrente di rinunciare al ricorso, che pertanto diverrebbe improcedibile. Secondo altra parte della dottrina, il pagamento successivo non produrrebbe alcun effetto preclusivo, per l’assenza di una esplicita rinuncia.

Sul punto si è recentemente espressa la Corte di Cassazione. Il Supremo Collegio ha sancito il principio secondo cui il pagamento successivo non produrrebbe alcun effetto dal punto di vista processuale e non dovrebbe pertanto determinare, ipso facto, l’inammissibilità del ricorso, atteso che in ogni caso (considerata la pendenza del ricorso) non resterebbero soddisfatte quelle esigenze deflattive, al cui perseguimento pare indiscutibilmente legata la ratio dell’art. 203 lì dove, appunto, prevede che il ricorso possa essere presentato a condizione che non sia stato prima già effettuato il pagamento in misura ridotta.




You have no rights to post comments

Commenti  

 
Avv. Giuseppe Lore
0 #2 Avv. Giuseppe Lore 2013-11-12 18:19
Citazione francesca:
salve
avrei bisogno di un informazione...
Il 10/06/2011 mi hanno verbalizzato per aver lasciato in sosta il veicolo, nonostante il divieto imposto con segnaletica verticale. La notifica postale, è pervenuta il 29/08/2011, per un ammontare di 49,00.
Vorrei sapere a quanto ammonterebbe il costo del verbale, per evitare che mi venga addebitata da equitalia. Resto in attesa, grazie,



Carissima , il costo del verbale è quello che hai ora, € 49,00
 
 
francesca
0 #1 francesca 2013-09-23 09:08
salve
avrei bisogno di un informazione...
Il 10/06/2011 mi hanno verbalizzato per aver lasciato in sosta il veicolo, nonostante il divieto imposto con segnaletica verticale. La notifica postale, è pervenuta il 29/08/2011, per un ammontare di 49,00.
Vorrei sapere a quanto ammonterebbe il costo del verbale, per evitare che mi venga addebitata da equitalia. Resto in attesa, grazie,
 

Siamo al tuo fianco

ricorso multa

Dalla richiesta di valutazione gratuita del verbale, fino all’accoglimento del ricorso, i nostri consulenti saranno sempre al tuo fianco.

Anche se non hai esperienza nè competenza in materia, per qualsiasi dubbio potrai contattarci al numero 08.100.30.533. I nostri consulenti ti offriranno tutte le informazioni necessarie.

Inviaci il verbale per un esame gratuito

Esaminati da occhi esperti, il verbale di una multa o una cartella esattoriale potranno rivelare motivi di nullità, altrimenti, difficilmente individuabili.

Inviaci il verbale per una valutazione gratuita e non vincolante:
mail via mail all’indirizzo info@ricorsi.net
fax via fax al numero 06.99332313 (scarica la copertina)
fax compilando il modulo seguente

Nel giro di poche ore riceverai risposta.

Chi è online

Abbiamo 172 visitatori e nessun utente online