Hai ricevuto una multa rilevata con tutor?
Inviaci copia della multa per una valutazione gratuita

Esaminata da occhi esperti, la tua multa potrebbe rivelare motivi di nullità che a te potrebbero sfuggire.

riceverai la nostra risposta in poche ore
Valutazione preliminare gratuita
10 anni di esperienza nel settore

La nostra assistenza

tre semplici passaggi per annullare la tua multa

3 motivi che potrebbero rendere nulla la tua multa

Non tutte le multe sono sempre opponibili e, ovviamente, non lo sono per le stesse motivazioni: è per questo che ogni verbale necessita di una valutazione individuale e concreta (e non esistono ricorsi “pronti all’uso”).

Fatta questa premessa, in questo breve video ti illustriamo 3 motivazioni che potrebbero essere a fondamento del tuo ricorso.

 

Ti risponderemo entro poche ore

Nel caso in cui la multa non fosse opponibile, sappiamo che avresti urgenza di pagarla (per beneficiare dello sconto del 30% entro 5 giorni dalla notifica). È per questo che ci impegniamo ogni giorno a rispondere a tutte le richieste che riceviamo entro poche ore.  

Inviaci subito copia della tua multa e sicuramente entro fine giornata riceverai la nostra valutazione gratuita: ti diremo se la tua multa è opponibile e ti guideremo passo dopo passo fino all’accoglimento del ricorso.

Ricorsi Garantiti al 100%

Il ricorso che ti invieremo sarà fondato su una serie di motivazioni che troveranno espresso riferimento nelle norme di legge e nelle sentenze che troverai citate nero su bianco.

È per questo che i nostri ricorsi sono garantiti al 100%.

Quanto costa

Come già scritto, la valutazione del tuo verbale sarà assolutamente gratuita (oltre che immediata)

Solo nel caso in cui il verbale presenti dei vizi o delle irregolarità, allora ti formuleremo un preventivo chiaro e trasparente dei costi da sostenere (che saranno infinitamente inferiori rispetto alla multa!)

Assistenza telefonica
Dal lunedì al venerdì dalle ore 16:00 alle 20:00 contattaci per qualsiasi chiarimento o informazione al numero 08.100.30.533. I nostri esperti saranno a tua disposizione per guidarti fino all’annullamento della multa.

La nostra promessa

Solo missioni possibili

Purtroppo, non tutte le multe sono sempre opponibili. Ti formuleremo la nostra proposta solo se saremo certi di poter ottenere l’annullamento della tua multa. 

Solo ricorsi accolti

Il ricorso che riceverai sarà un condensato di norme e sentenze (citate nero su bianco), incontestabili e indiscutibili. Niente cavilli o arrampicate sugli specchi.

Solo clienti felici

Ti seguiremo passo dopo passo, e faremo tutto il possibile per meritarci le 5 stelle che ci assegnerai quando ti chiederemo di lasciarci una recensione 😉

Dicono di noi

L’annullamento della multa e la tua completa soddisfazione saranno fin da subito il nostro principale obiettivo. Queste sono le ultime recensioni di chi, prima di te, si è rivolto a noi (presto anche a te chiederemo di lasciare qui il tuo giudizio, affinché sia di incoraggiamento per i successivi clienti!)

Invia la multa

Se non hai modo di allegare subito la foto della multa, compila semplicemente il modulo con il tuo indirizzo mail e il telefono (ti invieremo noi un promemoria)

Invia copia del verbale per una valutazione gratuita e immediata
info@ricorsi.net | Whatsapp

Ti risponderemo in poche ore

Chi siamo

Ricorsi.net è un’iniziativa promossa da Istituto per la Difesa del Consumo, l’Associazione di consumatori che da oltre 10 anni difende i cittadini multati ingiustamente. 

Avv. Alberto Russo

Avv. Alberto Russo

Riesce in meno di 10 secondi ad esaminare una multa e a discutere per i successivi 30 minuti dei motivi per i quali poterne chiedere l’annullamento. A lui il merito di aver fondato ricorsi.net e di aver successivamente costituito l’Istituto per la Difesa del Consumo.

Dott.ssa Fabiana Ferrari

Dott.ssa Fabiana Ferrari

Da oltre dieci anni è la voce femminile di ricorsi.net: sarà lei a rispondere personalmente alle vostre telefonate e richieste. È dotata di una pazienza tendente all’infinito e adora scoprire di essere stata citata nelle recensioni lasciate dai clienti.

Vuoi saperne di più?

Multe Nulle

Dagli esperti di Ricorsi.net la guida pratica per la contestazione delle multe nulle. Circa 220 pagine in cui sono condensati più di dieci anni di attività professionale.

Per Avvocati e non addetti ai lavori.
Leggendolo apprenderai:

Con formule e modelli pronti all’uso

Domande frequenti

Entrambi i termini (tutor e autovelox) fanno parte del linguaggio comune, ma senza precisi riferimenti giuridici che ne identifichino in modo univoco il significato. Nel linguaggio comune il termine autovelox viene generalmente utilizzato per riferirsi a dispositivi in grado di rilevare la velocità istantanea; con il termine tutor ci si riferisce, invece, a dispositivi che misurano la velocità media lungo un tratto di strada.

Tra i tutor (ovvero tra i dispositivi che misurano la velocità media) spiccano i SICVe, ovvero i dispositivi che si trovano generalmente installati lungo tutto l’asse autostradale italiano, con cui vengono rilevate le infrazioni per eccesso di velocità da parte della Polizia Stradale.

Di frequente le multe rilevate con tutor si susseguono in rapida successione. In altri termini, spesso accade che chi commette un’infrazione (per eccesso di velocità) finisce per ricevere due o tre multe per altrettante rilevazioni avvenute a breve distanza l’una dall’altra. Si dovrà, quindi, in questi casi richiedere l’annullamento delle multe relative a rilevazioni successive alla prima, in quanto riferite alla medesima infrazione già sanzionata con la prima multa.

A tutti i dispositivi che rilevano la velocità si applica per legge una correzione della misurazione ottenuta arrotondando il valore per difetto. Lo scopo di questa correzione è evidentemente quello di evitare che una imprecisione della rilevazione possa portare a sanzioni a cui non corrisponda l’effettiva infrazione dei limiti di velocità

Sul punto esistono due differenti filoni giurisprudenziali. Secondo un primo orientamento, per i tutor si applicherebbe il normale limite di tolleranza strumentale che è pari al 5%. Un secondo orientamento guarda, invece, ad una specifica norma contenuta nel codice della strada, secondo cui il limite, per tutti i sistemi che misurano la velocità media, deve essere innalzato al 10% o 15% in base all’entità della velocità rilevata.

Istituto per la Difesa del Consumo (codice fiscale 95100820638) | 80016 Marano di Napoli – Corso Italia 81 | Privacy policy