Hai ricevuto una multa per semaforo rosso?
Inviaci copia della multa per una valutazione gratuita

Esaminata da occhi esperti, la tua multa potrebbe rivelare motivi di nullità che a te potrebbero sfuggire.

riceverai la nostra risposta in poche ore
la nostra valutazione sarà sempre gratuita
10 anni di esperienza nel settore

La nostra assistenza

tre semplici passaggi per annullare la tua multa per semaforo rosso

Come presentare ricorso contro la tua multa per semaforo rosso

Sapevi che uno degli espedienti che più spesso utilizzano le forze dell’ordine per incrementare il numero delle infrazioni rilevate consiste nel ridurre al minimo la durata del giallo nelle lanterne semaforiche? Così succede che l’automobilista, senza neanche accorgersene, attraversi l’incrocio col semaforo rosso, pensando fosse verde. Questa prassi è assolutamente illegittima e non è certamente l’unica. 😐

Nel corso degli ultimi anni, con numerose sentenze, la Corte di Cassazione ha stabilito rigidi limiti all’impiego dei dispositivi di rilevamento delle infrazioni. Limiti che in molti casi i Comuni continuano ad ignorare, emettendo dei verbali illegittimi e annullabili.

Perché vengono effettuati così tanti accertamenti illegittimi? É ovvio: presentare ricorso resta una prerogativa per pochi e la maggior parte delle multe continuano ad essere pagate arricchendo i bilanci delle amministrazioni comunali.

In questo breve video ti illustreremo come poter presentare ricorso con o senza la nostra assistenza.

Ti risponderemo entro poche ore

Nel caso in cui la multa non fosse opponibile, sappiamo che avresti urgenza di pagarla (per beneficiare dello sconto del 30% entro 5 giorni dalla notifica). È per questo che ci impegniamo ogni giorno a rispondere a tutte le richieste che riceviamo entro poche ore.  

Inviaci subito copia della tua multa e sicuramente entro fine giornata riceverai la nostra valutazione gratuita: ti diremo se la tua multa è opponibile e ti guideremo passo dopo passo fino all’accoglimento del ricorso.

Ricorsi Garantiti al 100%

Il ricorso che ti invieremo sarà fondato su una serie di motivazioni che troveranno espresso riferimento nelle norme di legge e nelle sentenze che troverai citate nero su bianco.

È per questo che i nostri ricorsi sono garantiti al 100%.

Quanto costa

Come già scritto, la valutazione del tuo verbale sarà assolutamente gratuita (oltre che immediata)

Solo nel caso in cui il verbale presenti dei vizi o delle irregolarità, allora ti formuleremo un preventivo chiaro e trasparente dei costi da sostenere (che saranno infinitamente inferiori rispetto alla multa!)

Assistenza telefonica
Dal lunedì al venerdì dalle ore 16:00 alle 20:00 contattaci per qualsiasi chiarimento o informazione al numero 08.100.30.533. I nostri esperti saranno a tua disposizione per guidarti fino all’annullamento della multa.

La nostra promessa

Solo missioni possibili

Purtroppo non tutte le multe sono sempre opponibili. Ti formuleremo la nostra proposta solo se saremo certi di poter ottenere l’annullamento della tua multa. 

Solo ricorsi accolti

Il ricorso che riceverai sarà un condensato di norme e sentenze (citate nero su bianco), incontestabili e indiscutibili. Niente cavilli, tentativi azzardati o arrampicate sugli specchi.

Solo clienti felici

Ti seguiremo passo dopo passo, e faremo tutto il possibile per meritarci le 5 stelle che ci assegnerai quando ti chiederemo di lasciarci una recensione 😉

Dicono di noi

L’annullamento della multa e la tua completa soddisfazione saranno fin da subito il nostro principale obiettivo. Questi sono gli ultimi 5 giudizi di chi, prima di te, si è rivolto a noi (presto anche a te chiederemo di lasciare qui il tuo giudizio, affinché sia di incoraggiamento per i successivi clienti!)

Invia la multa

Se non hai modo di allegare subito la foto della multa, compila semplicemente il modulo con il tuo indirizzo mail e il telefono (ti invieremo noi un promemoria)

Invia copia del verbale per una valutazione gratuita e immediata
info@ricorsi.net | Whatsapp

Ti risponderemo in poche ore

Chi siamo

Ricorsi.net è un’iniziativa promossa da Istituto per la Difesa del Consumo, l’Associazione di consumatori che da oltre 10 anni difende i cittadini multati ingiustamente. 

Avv. Alberto Russo

Avv. Alberto Russo

Riesce in meno di 10 secondi ad esaminare una multa e a discutere per i successivi 30 minuti dei motivi per i quali poterne chiedere l’annullamento. A lui il merito di aver fondato ricorsi.net e di aver successivamente costituito l’Istituto per la Difesa del Consumo.

Dott.ssa Fabiana Ferrari

Dott.ssa Fabiana Ferrari

Da oltre dieci anni è la voce femminile di ricorsi.net: sarà lei a rispondere personalmente alle vostre telefonate e richieste. È dotata di una pazienza tendente all’infinito e adora scoprire di essere stata citata nelle recensioni lasciate dai clienti.

Vuoi saperne di più?

Multe Nulle

Dagli esperti di Ricorsi.net la guida pratica per la contestazione delle multe nulle. Circa 220 pagine in cui sono condensati più di dieci anni di attività professionale.

Per Avvocati e non addetti ai lavori.
Leggendolo apprenderai:

Con formule e modelli pronti all’uso

Domande frequenti

Come per qualsiasi altra multa è necessario che la sanzione non sia stata pagata e che non siano decorsi i termini (30 giorni dalla notifica per il ricorso al Giudice di Pace, 60 giorni per il ricorso al Prefetto).

Il ricorso contro una multa, come forse già saprai, potrà essere proposto alternativamente innanzi al Prefetto o innanzi al Giudice di Pace. Quale delle due vie è la migliore? Su quest’argomento si sono spesi fiumi d’inchiostro…e anche noi abbiamo la nostra opinione.

Occorre fare una distinzione: il ricorso al prefetto non comporta alcuna spesa. Per presentare ricorso al Giudice di Pace dovrai invece acquistare il contributo unificato (è simile ad una marca da bollo) da 43,00 euro.

Tuttavia, questo è un consiglio generale e astratto. Se desideri un parere specifico per il tuo caso, ancora una volta non possiamo fare altro che invitarti ad inviarci una foto del verbale e saremo felici di offrirti il nostro parere gratuito.

Come saprai (magari è anche il tuo caso), molte infrazioni sono da imputare alla circostanza che l’impianto semaforico funzioni in modo tale da lasciare che la lanterna di colore giallo duri pochissimi secondi. In questi casi, l’intento è chiaramente quello di impedire che gli automobilisti in transito abbiano il tempo di rallentare e frenare in sicurezza prima della linea di arresto.  Molte persone pensano di essere passate col giallo, e neanche si rendono conto che la lanterna sia diventata rossa al momento dell’attraversamento. È grazie ad espedienti del genere che le pubbliche amministrazioni riescono ad emettere così tante multe e a incassare così tanto denaro dalle multe.

Il punto, quindi, è: qual è la durata minima del giallo?  

Il problema è che né il Codice della Strada, né il regolamento di attuazione, né tantomeno alcuna altra norma prevede quale debba essere la durata minima del giallo. Con il conforto della più recente, consolidata e autorevole giurisprudenza, questa lacuna normativa potrà, tuttavia, essere volta a nostro favore in sede di ricorso: proprio perché nessuna norma prevede quanto il giallo debba durare, la condotta di guida del conducente  dovrà essere giudicata in base a criteri di prudenza che prescindano dalla circostanza che sia stata violata la norma che impone di non attraversare l’incrocio con il semaforo rosso. Secondo prudenza, potrà quindi ritenersi eventualmente preferibile attraversare l’incrocio anziché frenare bruscamente.

 

Si, giacché senza il numero di matricola del dispositivo elettronico che avrebbe rilevato l’infrazione, non sarà possibile a posteriori identificare l’apparecchiatura in modo univoco e di conseguenza non sarà possibile per la pubblica amministrazione dimostrare, in sede di opposizione, di aver rispettato le condizioni d’uso previste dal decreto di omologazione, né tanto meno di aver effettuato le verifiche di funzionamento periodiche.  

A volte le foto prodotte dal dispositivo sono poche chiare, perché non raffigurano completamente il veicolo nel momento del superamento dell’incrocio o per qualsiasi altra ragione. In altri casi, addirittura le foto non sono neanche immediatamente disponibili. In realtà questo è un falso problema. Non saranno comunque  le foto a decidere le sorti del ricorso. Il punto della questione è che l’onere di dimostrare che il dispositivo sia stato utilizzato in modo conforme a quanto prescritto nel relativo decreto di omologazione non grava sul ricorrente, ma sul comando di polizia che ha emesso il verbale: dovranno quindi “loro” dimostrare che l’apparecchio sia stato utilizzato correttamente, anche eventualmente con il supporto delle foto.

Istituto per la Difesa del Consumo (codice fiscale 95100820638) | 80016 Marano di Napoli – Corso Italia 81 | Privacy policy